Transardinia, in mountain bike sul Gennargentu

Traccia Day 2 Mamone (frazione di Bitti) - Oliena


Visualizza Senza titolo in una mappa di dimensioni maggiori

localita' di partenza 

distanza

Km

dislivello

salita

dislivello

discesa

quota massima

tempo

ciclabilita'

grado

 asfalto

sterrato

mulattiera

sentiero  

test   

Mamone

  55

1140 mt

1705 mt

973 mt

5,5 h

100 %

medio

20 km 

30k

5km

0 km

05/09

 

Si parte dall'agriturismo Ertila, riprendendo la sterrata sino a ritornare alla sella tra Mamone e il demanio di Crastazza. Al cancello dell'agriturismo si gira a sinistra sulla sterrata che passa sotto Punta su Pessiche, dopo un paio di tornanti in discesa sfioriamo la strada Bitti-Lodè e rientriamo subito su sterrato, dopo poco la sterrata diventa tecnica, in discesa, lungo la bella vallata che porta alle fonti del fiume Tirso.

Dopo un tratto stupendo attraverso un bosco di roverelle, incrociamo una vecchia strada campestre cinta da muretti a secco, la seguiremo sinchè, diventata asfaltata ci porterà ad immetterci sulla ss. provinciale Bitti-Lula, che prenderemo in direzione Bitti, in località ponte tres buccas.

  

                                      

                                                    Mamone, vista dall'agriturismo Ertila.  

Dopo quattro km, incrociamo la SS389 e andiamo a sinistra per Bitti sino a passare la cantoniera San Giuseppe, nei pressi della chiesa campestre. Dopo pochi metri andiamo a destra su una sterrata in procinto di essere asfaltata, siamo in pieno altipiano di Bitti, una terra piatta, pascoli a perdita d'occhio e rari alberi piegati dal maestrale. Seguiamo questa strada, ora  asfaltata, una sorta di circonvallazione di campagna del paese di Bitti, sino a uscire di nuovo sulla SS389, con Bitti alle spalle in direzione Orune. Dopo meno di un chilometro prendiamo una stradetta secondaria sulla sinistra, che dirige verso la località Funtana de Oliana.( fonte di Oliena).

Siamo sul margine meridionale del vasto altipiano, presso la cima di Fruncu sa Crapa, il panorama davnti a noi ci rivela la vallata del rio Isalle, a sinistra Il monte Albo di Lula, il monte ortobene, e dietro la sua sella il dolomitico Monte Corrasi. La traccia ora ritorna sterrata e inizia una lunga discesa nelle vallate tra Bitti ed Orune, sino al pozzo sacro di Su Tempiesu, al quale consigliamo sicuramente la visita.  

  

  

                                    Vallate tra Bitti ed Orune

                                    Valle tra Bitti ed Orune, sotto Funtana de Oliana.

Alla fine della discesa, al bivio per Su Tempiesu la traccia prosegue dritta per superare con uno strappo ripido di salita la Punta Budulio. Adesso, passato un ovile, siamo proprio sopra la vallata del rio Isalle, dalla quale ci divide una splendida mulattiera in discesa. Attraversiamo il rio Isalle sul Ponte di Marreri e risaliamo sul fianco del Monte Ortobene sino a Ianna e S'ozzastru.

Da ianna e S'ozzastru (sella del'olivastro), parte una mulattiera tecnica in discesa di circa 2 km. tutta di fronte al panorama della vallata di Oliena e del Monte Corrasi.

Ormai siamo alle porte del paese, che avremo sempre in vista davanti a noi.

Terminata la mulattiera, prendiamo quello che era il suo prosieguo, ora asfaltato e cinto da muretti a secco, sino ad intercettare la ss provinciale per Oliena. Superato il ponte non resta che l'ultima salita asfaltata, non particolarmente ripida ma sempre sofferta sino alla fine, essendo l'ultima della non breve giornata.

                                    Il rituale del fine tappa

                                     Fine tappa al bar dell'hotel Cikappa..

Dopo due giorni, finalmente è possibile passare una notte in un paese, chi vorrà, potrà fare due passi per il centro storico di Oliena, e rifornirsi di quanto necessario, presso i vari esercizi commerciali, l'hotel Cikappa ha un parcheggio per le mountain bike, dove è possibile anche lavarle e fare un po' di manutenzione.

testato maggio 09

Vai al Day 1  

 Vai al Day 3

Vai alla cartografia

 

  

Scarica il file gps

184 Downloads agg. 31/12/2011

Copyright 2013 © Transardinia .net 
transardinia logo
english