Transardinia, in mountain bike sul Gennargentu

Transardinia Day 4. Cinquanta km da Orgosolo a Desulo.

 

località di partenza

km

ore

dislivello

salita

dislivello discesa

quota massima

asfalto

sterrato  

mulattiera

single

track

ciclabilità

Orgosolo

50

9

  1917

1800

1829

10

30

7

10

99%

    

Lasciamo la piana di Montes diretti verso la cima del Gennargentu, la cui mole diviene sempre più imponente, saggiando le prime mulattiere tecniche. La variante sopra Foresta Montes gira attorno al Monte Fumai, tra ampie vallate profumate di timo, un pò di saliscendi ci concedono un buon passo, ma più avanti inizia l’interminabile scalata alla vetta del Bruncu Spina (quota 1829 m.), seconda cima del Gennargentu.

  

L'ascesa, a tratti molto ripida, toglie il fiato, la salita a tornanti di Genna Dùio mette alla prova gli scalatori, è difficile godere del panorama quando bisogna spingere sui pedali. Qui le condizioni del tempo diventano spesso estreme, la fatica rende silenziosi e l’importante è la sfida con sé stessi per arrivare in vetta. Ma questa tappa è ricca di emozioni che bilanciano la fatica: cavalli bradi al pascolo, il passaggio veloce di un branco di mufloni, un’aquila che volteggia elegante, i profumi intensi della flora, i colori del cielo dell’alta montagna, la vista che spazia dalle montagne della Corsica sino al Golfo di Cagliari.

Sul versante opposto ci attende un bel sentiero che scende ripido verso gli ovili di is Meriagos. Agli amanti della discesa regala sensazioni forti e tanta adrenalina. Manca poco all’arrivo all’agriturismo Gìrgini, immerso nell’omonima foresta, anche qui la cucina è ultratradizionale e ultracalorica.

Per il sushi possiamo anche rimandare .      

Ecco la Mappa.

Leggi il racconto

 

Copyright 2013 © Transardinia .net 
transardinia logo